top of page

IL CONCETTO DI KARMA

“I bambini e i cani sanno sempre tutto,

e soprattutto quello che non è detto.

Ciò che viene taciuto alla prima generazione,

la seconda lo porta nel suo corpo.”


Queste le parole della pediatra e psicanalista francese F. Dolto che già nel secolo scorso ha portato avanti gli studi su come ciò che non è “sciolto” dalle persone a livello emotivo, viene tramandato ai posteri.

Negli ultimi anni gli studi sul funzionamento delle eredità karmiche, di cui l'Oriente parla da millenni, si sono allargati alla psicologia e alla biologia apportando innumerevoli conoscenze.


Da questi studi è nata la Psicobiologia evolutiva che studia le dinamiche che legano le varie generazioni.

Secondo questo approccio esistono due tipi di Coscienze: una di Specie, che ha permesso all'uomo di registrare le soluzioni con cui l'uomo è riuscito a sopravvivere; l'altra di Clan che registra tutte le situazioni di trauma, carenza e privazione sperimentate dai membri di una stessa famiglia nelle varie generazioni e che vengono trasmesse fino a quando qualcuno dei discendenti non le risana.


Sono rimasta letteralmente folgorata da questi concetti in cui mi ritrovo totalmente.


Sono anni ormai che lavoro con le persone aiutandole ad individuare l'antica ferita karmica che condiziona attualmente la loro vita e a risolverla.


Con centinaia di Consulti fatti, per me è sempre più evidente di come il Karma sia presente nella nostra Vita e ci condizioni fin quando noi non prendiamo la decisione di Ascoltare il suo Messaggio d'Anima.


La Nostra Anima prima di nascere sceglie dove, quando e con chi nascere e le esperienze da fare. Questa è una forma di saggezza consapevole che tutti noi pratichiamo prima di ridiscendere sulla Terra perché sappiamo esattamente ciò che manca alla nostra Evoluzione e quali sono le situazioni e le esperienze che possono aiutarci ad elevare il nostro “livello”, la nostra Frequenza, imparando le lezioni dell'Anima.


Quando ci reincarniamo su questo denso Pianeta Scuola, noi dimentichiamo: Non Possiamo Ricordare e Non Dobbiamo Ricordare. Tutto deve essere esperito in maniera più genuina e libera possibile per permettere il cambiamento dei nostri paradigmi energetici, emozionali, psicologici e karmici.


Se noi ricordassimo il perché siamo qui, saremmo condizionati. Noi invece manteniamo sempre il Nostro Libero Arbitrio che può farci scegliere di NON FARE quel salto evolutivo come DI FARLO.

E' proprio in questo caso che il nostro impegno e lavoro su di noi diventa autentico ed efficace.

Abbiamo la Responsabilità di scegliere cosa agire nella nostra vita: l'Anima così comprende e sente l'effettiva presa di Consapevolezza.

Abbiamo un COMPITO: Essere Presenti a Noi stessi e Trovare la Via per la Nostra Realizzazione.


“..e quindi uscimmo a riveder le stelle..”


Liana



22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page