• Liana Celesti

EQUINOZIO D'AUTUNNO: DARE SPAZIO AL NUOVO

Il 23 settembre alle ore 3,03 assisteremo al momento equinoziale dove, per pochissimi istanti, la durata del giorno e della notte è di uguale durata.

Un momento che gli antichi ritenevano magico e portatore della possibilità di trarre forza e ispirazione dai propri sogni notturni.

Il giorno 23 settembre il Sole passerà dal Segno della Vergine a quello della Bilancia; nel momento notturno dell'ora esatta dell'Equinozio, il Sole varcherà l'ultimo centesimo di secondo di presenza nel Segno della Vergine, trovandosi a 29°59'58”, esattamente l'attimo prima del passaggio.

Ribadisce qui il suo significato di “Lasciar andare il vecchio per fare spazio al nuovo”.

Il Sole a 29° della Vergine sarà congiunto a Mercurio retrogrado in Bilancia, che qualche attimo dopo farà il percorso inverso al Sole entrando nella Vergine.

Un incontro importante “sulla Soglia” quasi a concedersi il tempo veloce per salutarsi, osservare il cammino fatto e ringraziare l'Universo e tutti i suoi Elementi per averci permesso di percorrere il Cammino annuale di Morte e Rinascita e infine di Raccolto, partito dall'Equinozio Autunnale precedente.

Il Sole si incontra e si confronta con Mercurio, la Consapevolezza acquisita, con il quale fa un bilancio sul ciclo produttivo e riproduttivo della natura, lascia andare il passato e accetta i frutti di ciò che si è seminato, con un costante parallelismo tra uomo e natura/agricoltura.

I Segni della Vergine e della Bilancia qui coinvolti, che saranno ancora protagonisti nella prossima Luna Nuova in Bilancia del 25 settembre, sono preposti proprio a questo: analizzare con coscienza e consapevolezza il livello di maturità raggiunto, ringraziando per i doni ricevuti e ingraziando le Energie della Terra e degli Avi per un Buon Anno a venire.

Ci si prepara in questo passaggio ad attraversare il periodo in cui si entra nel buio, si va verso il contatto con il mondo oscuro dei Morti e dell'Aldilà, in cui i vivi non possono entrare se non prendendo Coscienza della presenza del Mondo Invisibile.

Tutto il periodo che da ora arriva al Solstizio d'Inverno, passando per il secondo Corridoio di Eclissi di ottobre/novembre, è un periodo di Silenzio, di Riposo, di Meditazione e Trasformazione, all'interno di noi così come nell'ambito agricolo, a stretto contatto con la natura ed i suoi cicli; Come Dentro Così Fuori, Come Sopra Così Sotto.

Il Legame con il Mondo dei Morti, così evidente in questo periodo, che raggiungerà l'apice nel prossimo periodo Zodiacale legato al Segno dello Scorpione (Morte e Rinascita) e con la Festa degli Spiriti e dei Defunti di fine ottobre, veniva in antichità celebrato nel Mondo Greco del VI Sec. Avanti Cristo con i Misteri Eleusini, direttamente collegati al culto di Demetra (Dea dell'Agricoltura e dei Raccolti) e della figlia Persefone, rapita da Plutone (Re del Regno dei Morti), con il quale era obbligata a vivere 6 mesi all'anno, ritornando poi in superficie dalla madre e creando così la ciclicità delle Stagioni.

Circa mille anni dopo, anche il Mondo Celtico ha praticato riti in onore dell'Equinozio Autunnale da loro chiamato Mabon, Dio della Vegetazione e dei Raccolti, figlio della Dea Madre, anch'esso rapito dopo 3 giorni dalla sua nascita e salvato molto tempo dopo da Re Artù.

Mabon è il tempo dell'Acqua, Porta Cardinale dell'Ovest e legato alle Emozioni, ai Sentimenti e all'Anima.

E' tempo di fluire e scorrere come l'Acqua del Fiume, accettando i frutti raccolti e abbandonando il passato e ciò che siamo stati.

Nella mappa dell'Equinozio si forma un potente YOD che apre la possibilità di agire energeticamente per chiudere tutti i Sospesi Passati legati al Passato, liberando gli antenati.

La Luna in Leone forma un aspetto di Quinconce con Plutone retrogrado in Capricorno allo stesso grado e con Nettuno retrogrado in Pesci: il flusso vitale che pulsa e freme in attesa di rinascere in primavera, protetto, nutrito e trasformato dalla Madre Terra e dall'Acqua che scorre.

E' il Momento di fare Silenzio, di Raccogliersi e Meditare e di prepararsi ai potenti passaggi dei prossimi mesi: l'Energia vitale e trasformatrice dell'Universo, ci porterà e accompagnerà verso il raggiungimento di un Equilibrio Interiore che porterà l'Armonizzazione degli opposti, del Maschile e del Femminile, della Luce e del Buio, della Materia e dello Spirito.

Portiamo con Gratitudine un DONO alla Terra. Ringraziamo la Vita. Sentiamo il Messaggio del Cielo.

“..e quindi uscimmo a riveder le stelle...”

Liana – www.isegretidelcielo.it


116 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti