top of page

MERCURIO IN SAGITTARIO

Passaggio verso il Movimento, questo di Mercurio che entra in Sagittario. In realtà si troverebbe nel segno opposto al suo (i Gemelli) quindi non proprio a casa, ma in questo asse la differenza non è eccessiva e assume degli aspetti un po' particolari.


Il movimento, la conoscenza, la formazione e lo studio appartiene in realtà ad entrambi ma a livelli diversi. Non stupisce se pensiamo che i Gemelli rappresentano la fase giovanile della vita dove, ancora freschi e inconsapevoli, abbiamo un mondo da scoprire e dobbiamo imparare tutto, soprattutto a discernere.


Il Sagittario al contrario no, lui è già ad un livello alto, a volte talmente tanto che cade nel peccato di presunzione e saccenza perdendo il contatto con gli altri.


Entrambi si possono aiutare: a crescere l'uno e a non divenire presuntuosi e isolati l'altro.

Mercurio quindi che entra in Sagittario è come se entrasse nella “casa dei Grandi” dove non si può più saltellare qua e là senza responsabilità e pesi.

Mercurio imparerà e, soprattutto qui, imparerà a non avere fretta, ad avere fede in qualcosa di più grande e invisibile in cui credere che ci guiderà verso le scelte da fare sapendo e discernendo.


Imparerà ad acquisire una visione del mondo positiva e ottimista, ad entrare in contatto con mondi ed esperienze molto diverse da noi con le quali dialogheremo profondamente e che ci permetteranno di elevarci.


Inizia una fase di viaggio fisico e interiore che ci porterà lontano e che rappresenterà il collegamento con mondi sconosciuti ricchi di insegnamenti.


Mercurio, la parola, la scrittura, la comunicazione, la trasmissione, il contatto con il mondo invisibile dei morti che deve essere esperito da tutti, ufficializzato e riconosciuto per preparare giovani anime.


Appena in ingresso nel nuovo segno Mercurio incontra in quadratura Saturno, il suo alter-ego temporale, il vecchio che incontra il giovane. Saturno nei Pesci riporta il discorso della fede e della fiducia nel nostro sentire profondo, magico e invisibile.


Ovviamente la presenza di Saturno rafforza la necessità di crescere e di prendersi delle responsabilità ma, come ricorda il piccolo Mercurio, imparando a non prendersi mai troppo sul serio.


Si apre una nuova fase, più leggera, meno intensa che ci lascia respirare per prepararci ai prossimi transiti difficili per prendere respiro dall'ondata di dolore e morte che ha invaso molte parti della Terra.


Ricordo che non sempre tutto il negativo è davvero poi così negativo.


Lao Tze recitava così:


“Ciò che il bruco

chiama fine del mondo,

il resto del mondo lo chiama Farfalla.”

“..e quindi uscimmo a riveder le stelle..”


Liana



1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page